IO Chiara

Nasce a Sottomarina il 4 dicembre 1994, terza meraviglia dell’asse Martinsicuro-Chioggia aperto da mamma Stefania e papà Franco.

Fin da subito mostra un’innata propensione al ruolo di principessa, ruolo che tuttavia fatica a imporre in famiglia vista l’esuberanza dei fratelli dinamitardi Carlo e Luca.

A 10 anni si ritrova sradicata da quella giungla di scarabei e bici elettriche che è Sottomarina per approdare nella più borghese Noventa Padovana, merito (o colpa) della dedizione encomiabile all’insegnamento di mamma Stefania, al secolo “la Pierga”.

Gli anni del liceo “Bruni” fanno cementificare in lei quella passione per il bello e per la danza proprie delle principesse, assieme ad un maniacale ed ostinato amore per la precisione (il tocco inconfondibile di papà Franco). Semplice dunque trovare la strada all’università: bastava un corso che unisse la magia dell’architettura alla sconfinata esattezza dell’ingegneria. E si, qualcuno ci aveva già pensato.

In università si moltiplicano le esperienze: esami, elezioni universitarie, tornei, coro. E proprio il coro, quel Venerdì Santo a Monteortone, dopo una quaresima qualsiasi, genera quell’imprevisto che vi porta a leggere queste righe.

IO Chiara

Nasce a Sottomarina il 4 dicembre 1994, terza meraviglia dell’asse Martinsicuro-Chioggia aperto da mamma Stefania e papà Franco.

Fin da subito mostra un’innata propensione al ruolo di principessa, ruolo che tuttavia fatica a imporre in famiglia vista l’esuberanza dei fratelli dinamitardi Carlo e Luca.

A 10 anni si ritrova sradicata da quella giungla di scarabei e bici elettriche che è Sottomarina per approdare nella più borghese Noventa Padovana, merito (o colpa) della dedizione encomiabile all’insegnamento di mamma Stefania, al secolo “la Pierga”.

Gli anni del liceo “Bruni” fanno cementificare in lei quella passione per il bello e per la danza proprie delle principesse, assieme ad un maniacale ed ostinato amore per la precisione (il tocco inconfondibile di papà Franco). Semplice dunque trovare la strada all’università: bastava un corso che unisse la magia dell’architettura alla sconfinata esattezza dell’ingegneria. E si, qualcuno ci aveva già pensato.

In università si moltiplicano le esperienze: esami, elezioni universitarie, tornei, coro. E proprio il coro, quel Venerdì Santo a Monteortone, dopo una quaresima qualsiasi, genera quell’imprevisto che vi porta a leggere queste righe.

IO Filippo

Nasce a Belluno il 15 marzo 1990, qualcuno dice con un microfono in una mano e un cosciotto di pollo nell’altra. Cibo e musica saranno fin da subito le sue passioni più radicate, il cromosoma Y ha lavorato alla perfezione.

Orgoglio di mamma Gabriella e papà Roberto, comincia a partecipare al coro della parrocchia già dai 7 anni, esperienza “ideale” per quella che sarà la sua modesta carriera da Frontman nei locali dal pubblico colorito del Bellunese.

Tra complessi improvvisati, duetti in acustico, veglie pasquali e veglie nei locali, gli anni del liceo (Classico, ma con serenità) corrono in fretta verso la terza passione importante, quella di tenere tutto sotto controllo (un grazie a mamma Gabriella).

E allora ecco che la scelta degli studi economici non è solamente una decisione, ma un mood radicatosi in quegli anni nella sua personalità, alquanto esagerata anche per uno della sua stazza e tale da portarlo a rifiutare la Bocconi per la meno inflazionata Padova.

E proprio l’università a Padova sarà per lui un tripudio di esperienze, a partire dal funambolico prodigio delle band da matrimoni, arte appresa dal fratello e maestro Matteo, passando per la gestione maniacale di tornei di calcio ed eventi abusivi, fino ad arrivare alla direzione del coro: tutto tranne che studiare insomma.

E proprio il coro, quel Venerdì Santo a Monteortone, dopo una “quaresima” lunga almeno 180 giorni, genera quell’imprevisto che vi porta a leggere queste righe.

IO Filippo

Nasce a Belluno il 15 marzo 1990, qualcuno dice con un microfono in una mano e un cosciotto di pollo nell’altra. Cibo e musica saranno fin da subito le sue passioni più radicate, il cromosoma Y ha lavorato alla perfezione.

Orgoglio di mamma Gabriella e papà Roberto, comincia a partecipare al coro della parrocchia già dai 7 anni, esperienza “ideale” per quella che sarà la sua modesta carriera da Frontman nei locali dal pubblico colorito del Bellunese.

Tra complessi improvvisati, duetti in acustico, veglie pasquali e veglie nei locali, gli anni del liceo (Classico, ma con serenità) corrono in fretta verso la terza passione importante, quella di tenere tutto sotto controllo (un grazie a mamma Gabriella).

E allora ecco che la scelta degli studi economici non è solamente una decisione, ma un mood radicatosi in quegli anni nella sua personalità, alquanto esagerata anche per uno della sua stazza e tale da portarlo a rifiutare la Bocconi per la meno inflazionata Padova.

E proprio l’università a Padova sarà per lui un tripudio di esperienze, a partire dal funambolico prodigio delle band da matrimoni, arte appresa dal fratello e maestro Matteo, passando per la gestione maniacale di tornei di calcio ed eventi abusivi, fino ad arrivare alla direzione del coro: tutto tranne che studiare insomma.

E proprio il coro, quel Venerdì Santo a Monteortone, dopo una “quaresima” lunga almeno 180 giorni, genera quell’imprevisto che vi porta a leggere queste righe.

«Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate molto frutto e il vostro frutto rimanga»

Gv 15,16-17

CHIARA BONALDO

and

FILIPPO DE NES

Annunciano con gioia
il loro matrimonio

Sabato 10
Ottobre 2020
ore 11.00

Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo
piazza Eremitani 9, Padova

CHIARA BONALDOand FILIPPO DE NES

Annunciano con gioia il loro matrimonio

Sabato 10 Ottobre 2020 ore 11.00

Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo piazza Eremitani 9, Padova

DAYS
HOURS
MIN
SECS

Ricevimento

Dopo la cerimonia siamo contenti di festeggiare con voi presso

Villa Gritti

via Villabella 74
37047 Villabella - VR

Lista nozze

In questi mesi abbiamo vissuto la casa come il luogo privilegiato in cui riscoprire la bellezza nelle nostre giornate. La lista nozze è per noi il desiderio che la nostra casa ci ricordi sempre dei nostri amici, anche nelle piccole cose.

Dreaming big

Loading...

Dreaming bigger

Loading...

Viaggio di nozze

Il nostro desiderio è quello di poter partire appena possibile e visitare Bangkok e le Maldive.

Se vuoi aiutarci a realizzare questo nostro desiderio puoi contribuire attraverso bonifico seguendo queste coordinate:

Intestatario: Chiara Bonaldo

IBAN: IT09F0306962692100000007337

Causale: "Viaggio di Nozze"

Atollo delle Maldive
Una bella vista di Bangkok

RSVP

Per poter organizzare il tutto al meglio abbiamo bisogno della conferma della tua presenza.

“We got one last chance to make it real to trade in these wings on some wheels. Climb in back, heaven's waiting down on the tracks”

Bruce Springsteen